venerdì 14 aprile 2017

Un ricordo

Un ricordo
di Umberto Saba

Non dormo. Vedo una strada, un boschetto,
che sul mio cuore come un’ansia preme;
dove si andava, per star soli e insieme,
io e un altro ragazzetto.

Era la Pasqua; i riti lunghi e strani
dei vecchi. E se non mi volesse bene
pensavo e non venisse più domani?
E domani non venne. Fu un dolore,
uno spasimo verso la sera;
che un’amicizia (seppi poi) non era,
era quello un amore;

il primo; e quale e che felicità
n’ebbi, tra i colli e il mare di Trieste.
Ma perché non dormire, oggi, con queste
storie di, credo, quindici anni fa?

domenica 9 aprile 2017

Bos'c de stele 
by M. Noacco
E se un zorno lontan
un rèful,
ingropà de scusse
de ruspie parole,
se scondarà
in ta la grispa dei nostri pinsieri,
mi te portarò
indove l'acqua de l'Lisonz
se nega in ta'l mar.
Sentadi su un sas slissà
tamiseremo lagrime e ridade
fregule de note scura
e grani de luse 'nsempiada.
Contro la strigarìa de l'ora
robaremo 'na ramela de rosmarin
de tignir strenta in scarsela
fin che 'l bos'c de stele
se sfrisularà in ta'l mar.