domenica 26 giugno 2016

Brandenburg Concerto No. 1 in F major, BWV 1046


Il Primo Concerto brandeburghese (BWV 1046) presenta un organico strumentale molto particolare: un gruppo di fiati (2 corni da caccia, 3 oboi e fagotto) e un gruppo di archi (violino piccolo, 2 violini, viola, violoncello, violone grosso e cembalo). La presenza del violino piccolo indica l'intenzione di Bach di imitare lo stile francese tipico di molta musica tedesca dell'epoca, riconducibile all'ampio uso delle musiche di danza allora trionfanti alla corte di Versailles: anche questo Primo brandeburghese si conclude infatti con una suite di danze, modificando la struttura del concerto. Questa composizione presenta una tipica struttura "di gruppo", variata dai leggeri interventi del violino piccolo in veste solistica. Con struttura "di gruppo" si intende la rigorosa contrapposizione del gruppo degli archi a quello dei fiati, distinti, questi ultimi, in due sottogruppi: i corni da caccia da un lato e il quartetto dei legni (oboi e fagotto) dall'altra. L'opera fu redatta in due versioni, la prima delle quali è ricostruibile attraverso un'intricata rete di manoscritti inediti. La forma definitiva risulta divisa un due sezioni: la prima ha il tipico aspetto della forma concerto, con un primo e un terzo tempo sostenuti in forma "di gruppo" e un adagio centrale in cui oboe e violino piccolo dialogano come in un "doppio concerto", in uno stile cantabile ma nello stesso tempo intimo e commosso. La seconda sezione è appunto formata da una suite di gusto francese, cioè in una serie articolata di danze. L'organico strumentale è assolutamente improprio rispetto alla tradizione della musica di corte, e fa supporre che l'opera sia stata commissionata per un qualche evento di carattere eccezionale. (Wikipedia)

martedì 21 giugno 2016

Laura Pergolizzi



 Quando sarai più vecchio, più banale, più sensato
Ti ricorderai di tutti i pericoli che abbiamo passato?
Bruciando come braci, cadenti, tenere
Desiderando i giorni senza resa Anni fa E be’, sai
Goditela finché sei in tempo, perché è il momento
Tutto quello che ho sempre voluto eri tu
 Non andrò mai in paradiso perché non so come si fa
Alziamo un calice O due A tutte le cose che mi sono persa per te
Oh Dimmi, le capisci? Oh Giusto per poter lasciarmi andare
Oh Dopo tutto quello che mi sono persa per te Capisci?
 Oh Capisci? Oh Baby, non lo capisci? Lo capisci?
 Vorrei poter vedere i meccanismi
Capire la fatica delle aspettative che hai in testa
Stringimi come se tu non avessi mai perso la pazienza
Dimmi sempre che mi ami più di quanto mi odi E che sei ancora mio
 Goditela finché sei in tempo, perché è il momento
Tutto quello che ho sempre voluto eri tu
 Prendiamoci un sorso, sia mai vada meglio
Alziamo un calice O due A tutte le cose che mi sono persa per te
Oh Dimmi, le capisci? Oh Giusto per poter lasciarmi andare
...................................